Semplici tecniche che aiutano a ricordare

C’è sempre qualcosa che un bambino, alunno, deve memorizzare. Che sia una poesia, o una regola da ricordare, anche più di una… E quante difficoltà sorgono di solito per riuscirci!

A una lezione l’insegnante chiede una regola che si doveva imparare. Michele non riesce a dirla. E quando l’insegnante lo rimprovera che non aveva fatto i compiti, lui indignato risponde: «Ho studiato! Giuro che ho studiato! Chiedete alla mamma».
Potrebbe essere che prima o poi a molti capita una situazione simile?

Ma se ci pensate, questo non succede solo ai bambini. Quanta fatica facevate per ricordare il titolo di un libro o l’autore di un libro che avete letto recentemente oppure il nome di un collega. E poi dopo circa 10-15 minuti la parola vi è venuta in mente da sola, ma non serviva più. E questo accade a molti se non a tutti. O non si riesce a ricordare l’indirizzo, o la parola, che serve, si trova lì per lì sulla punta della lingua, ma…niente.

Ora, certamente, è di molto aiuto il cellulare, dove si possono salvare tutti i dati, ma… non possiamo fidarci al 100% del cellulare. Alla fin fine dobbiamo ricordarci l’informazione necessaria. Vale soprattutto per gli alunni. Un cellulare non li salva ne alla lezione, ne all’esame.
E come si fa quindi a riuscire a ricordare?

Esistono dei metodi che facilitano il processo di memorizzazione.

Accompagnare dal movimento. Quando un bambino sta imparando una poesia, fa bene aggiungere dei movimenti o gesti, oppure semplicemente camminare per la stanza. L’attività motoria migliora il lavoro del cervello e semplifica la memorizzazione. Se ci muoviamo seguendo un testo, allora si accende anche la memoria motoria. Poi, ripetendo, anche se il bambino dimentica qualche parola, si può ricordargli il movimento/il gesto e la parola giusta probabilmente verrà in mente.

Studiare prima di andare a dormire. Nel sonno il nostro cervello elabora le informazioni ricevute e le memorizza. Perciò, verrà ricordato meglio ciò che si studia prima di addormentarsi. E, la cosa più importante – non si può togliere le ore di sonno! Un alunno della 1°- 4° elementare deve dormire 10 ore. Ogni ora sottratta dal sonno diminuisce le capacità cognitive del bambino, e fa soffrire la memoria e l’attenzione del bambino.

Studiare ad alta voce. Le ricerche dimostrano che le parole vengono memorizzate meglio, se vengono pronunciate ad alta voce. Non serve gridare, basta semplicemente ripetere, leggere ad alta voce. Così si possono memorizzare sia le poesie, sia il lessico nuovo, sia una lingua straniera.

Disegnare immagini. Il nostro cervello è capace di ricordare solo ciò che comprende. E la comprensione – è la capacità di “disegnare” nella propria immaginazione un quadro, delle immagini. Se volete ricordare – dipingete un quadro nella vostra immaginazione. É un metodo semplice e veramente efficace che permette di ricordare qualsiasi tipo di informazione in modo semplice e veloce.

Chiaramente sono solo dei consigli che generalmente danno dei buoni risultati, ma come sapete bene anche voi, tutto è individuale…quindi da provare.

Se avete qualche tecnica che aiuta i vostri bambini ad imparare, condividete con noi!

La fonte: http://chitalochka-ru.ru/razvitie-pamyati/prostyie-priemyi-zapomnit.html

Annunci

Un pensiero riguardo “Semplici tecniche che aiutano a ricordare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...