Come aiutare i bambini a concentrarsi

Carenza d’attenzione è incapacità di concentrarsi per un lungo periodo è il problema dei bambini e dei genitori di oggi.


A causare questo sono il ritmo accelerato della nostra vita e il tempo che passiamo davanti agli schermi. I giochi elettronici e varie app ci abituano ad assimilazione rapida e superficiale dell’informazione.
E dopo vediamo come la mamma ripete per l’ennesima volta come si scrive una lettera o un numero, il bambino invece è distratto e non ascolta. I bambini si concentrano meglio sulle cose che li piacciono, non sulle cose che devono imparare.
I pediatri dicono che il bambino di 4-5 anni piò rimanere concentrato su un compito da 8 ai 20 min. Per i bambini più grandi bisogna moltiplicare l’età per 5 minuti. Bisogna anche ricordarsi delle varie condizioni che influenzano il risultato, per esempio: se il compito è interessante, a che ora del giorno viene fatto. Lo stesso compito nei vari periodi della giornata può richiedere diverso tempo d’attenzione.
Come aiutare il bambino?
1. Cercate di essere creativi e fare la lezione davvero interessante.
Perché tante volte dobbiamo spiegare al bambino quello che non gli interessa o che gli piace poco. Per esempio per imparare l’alfabeto potete scrivere le lettere con i gessi sul asfalto, con il bastoncino sulla sabbia, farle con la plastilina, con la pasta di sale. Io per stimolare mia figlia a leggere e a scrivere ho inventato la corrispondenza con Peter Pan. Con i compiti per la matematica vi può aiutare LEGO.
2. Per avere l’attenzione dei vostri figli – dovete prima dare la vostra attenzione a loro. Spesso i genitori stessi sono distratti durante la lezione con i bambini: controllano il cellulare, guardano la TV, o gridando dalla cucina gli ordini. Mettetevi vicini al bambino e concentratevi sulle cose che state facendo. deve esserci un contatto visivo i tattile.
3. Prevenire la mancanza d’attenzione. Per esempio prima di iniziare a fare i compiti fate la merenda, non iniziare subito dopo le attività sportive oppure subito dopo il rientro da scuola. Se vedete che il bambino continua ad avere problemi, forse la sua agenda è troppo piena.
Spesso i bambini diventano distratti quando il compito li sembra troppo difficile. Provate a dividerlo in parti.
4. Allenate la memoria, capacità d’osservazione e l’attenzione dei bambini sin da piccoli. Ci sono tantissimi giochi che possono aiutarvi: memory, pittura, puzzle o semplicemete la TV spenta. Durante le passeggiate fate notare ai bambini le piccole cose come i colori o le forme, o provate a contare quante macchine passano.
(detskoè-menù.com)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...