Un metodo straordinario per lo sviluppo dei bambini fin dai piccini

Buon giorno!
Oggi vogliamo presentarvi un metodo di educazione per la prima infanzia molto efficace ma poco conosciuto in Europa, si tratta del metodo del professore Makoto Schicida (prof. Shichida in inglese).

M. Schicida ha dedicato tutta la sua vita allo studio del cervello umano e ha scoperto come è importante sviluppare la parte destra del nostro cervello.

imageIl sistema di educazione applicata a giorno d’oggi nelle scuole per la prima infanzia aiuta a sviluppare solo la parte sinistra del cervello, responsabile della logica e dell’analisi. Mentre la parte destra, che risponde per l’intuito, la memoria fotografica, per l’apprendimento delle lingue straniere, matematica, orecchio musicale, rimane non allenata.
Schicida dice che fino a 6 anni nei bambini domina la parte destra. Se la parte sinistra “perde” facilmente (“elimina le informazioni”, per modo di dire: memoria a breve termine), viene invece ricordata dalla parte destra anche se si tratta dell’informazione che è stata memorizzata una sola volta. Solo sviluppando entrambe le parti il bambino potrà sfruttare al massimo tutto il suo talento, memorizzare facilmente e velocemente. Tutto questo è stato confermato dagli scienziati di Harvard.
Ci è piaciuto questo metodo perché non ha come scopo l’intenzione di fare un’enciclopedia dal cervello del bambino. Ma aiuta al bambino di apprendere in modo facile, veloce e senza fatica, sviluppa le sue capacità creative.
Però prima di applicare il metodo bisogna ricordare la regola principale sulla quale è basato il metodo. L’Amore. Secondo Schicida, amore e l’elemento fondamentale dell’educazione. Lo sappiamo, ma spesso lo dimentichiamo. “Spesso i bambini non sanno usare le loro capacita ingenite a causa di un atteggiamento negativo verso se stessi… Capiscono inconsapevolmente che i genitori sono preoccupati per i loro voti a scuola, per la salute. I genitori devono cercare di liberarsi da questi pensieri e convincere i bambini delle loro capacità. Così i bambini inizieranno ad usarli al 100%”.
Come mostrare ai bambini il nostro amore:
– abbracciarli per almeno 8 secondi per ogni abbraccio,
– ascoltarli (non solo udirli),
– usare il metodo di 5 minuti. Cosa vuol dire? Ogni sera appena si addormentano, parlarli per 5 minuti delle cose che bisogna correggere. Esempio: il bambino non vuole andare a scuola. Ogni sera bisogna dire:” nome.., sei una brava bambina/ bambino, hai 5 anni, sei serena/sereno quando vai a scuola. Sei felice, ti piace a scuola. La mamma ti ama tantissimo. Adesso dormi bene, domani ti sveglierai in buon umore.”
Ecco come si applica invece il metodo del Professore Shicida. j
Ogni giorno si cerca di dedicare almeno 15 minuti per fare gli esercizi.
1. Flash cards. Ogni giorno mostrare al bambino i flash cards, ca 1/2 secondi per una carta, aumentando ogni settimana il numero delle carte.
2. Giochi di immaginazione. Chiedete al bambino di fingere di essere qualcuno e imitarlo. Esempio: ti ricordi che ieri abbiamo visto il cane, come fa il cane.
3. Gioco di intuizione. Nascondere qualcosa nella scatola o nelle mani e far indovinare dove è nascosto.
4. Linking memory/Catena di memoria. Prendere varie immagini e mettendoli una dopo l’altra raccontare una storia. Non necessariamente logica e dopo chiedere al bambino di ripetere.
Al primo impatto il metodo ci è sembrato abbastanza complicato ed è vero che ci vuole tempo per capirlo e mettere in pratica! Ma noi abbiamo deciso di provare e secondo noi ne vale la pena. Più piccoli sono i bambini, meglio è. Qui sotto trovate il link per vedere come fare alcuni di esercizi descritti, per il momento non esiste in italiano, ma si capisce il principio.
Possiamo capire che non è facile e ci vuole tempo per preparare tutto il necessario per una “lezione”, per questo abbiamo deciso di creare delle lezioni di prova e mandarvi tutto quello che serve via email. A breve riceverete la comunicazione con tutti i dettagli.
Speriamo che vi abbia incuriosito il metodo e lo voliate provare. A presto!

http://youtu.be/rrBiJJ4gGxs

Leggi anche: “Right Brain: lezione di prova “

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...